In questa guida mettiamo a disposizione consigli utili su come scegliere il migliore copritavolo per le proprie esigenze.

L’arredamento di una casa non può dirsi davvero riuscito se i complementi e l’oggettistica non sono scelti con attenzione, esattamente come tutto il resto.
Proprio così, quasi sempre sono i particolari, i dettagli a fare la differenza e a infondere alla casa uno stile personale e deciso.

Una casa non sarebbe uguale se, oltre ai mobili, non avesse anche piante, soprammobili, decori, tende, cuscini e simili.
Un luogo spoglio e anonimo, che non invoglia a a stare dentro e a ritornare quando si è fuori.

La casa invece, ogni casa, deve essere il posto nel mondo che è nostro e solo nostro, quello dove dedicarci a noi stessi e agli amici, dove trascorrere i momenti di festa e di riposo, dove mangiare, dormire, abitare.

No products for "copritavolo" found.

Basta poco per rendere accogliente un’abitazione, sia in termini di complementi di arredo che di relativa spesa economica.
Pensate al copritavolo, molti lo ritengono solo un elemento secondario, un oggetto di pura utilità, buono per proteggere tavoli di pregio da eventuali macchie, graffi e urti, ma è sbagliato, o meglio molto riduttivo, perché il copritavolo è molto di più.

Provate a tenere il tavolo della vostra cucina al naturale e poi a rivestirlo con un copritavolo che vi piace, la differenza balza subito agli occhi.
Un tavolo, e qualunque altro mobile, può essere anche molto bello nella sua struttura e fattura, ma lo diventa di certo molto di più se viene rivestito con un copritavolo, un elemento in grado di conferirgli immediatamente un appeal completamente diverso.

Il copritavolo in cucina, sul piano da lavoro, riveste un’utilità pratica non indifferente in quanto protegge il mobile da tutto ciò che potrebbe danneggiarlo, soprattutto in una stanza di servizio e di largo traffico come una cucina, tuttavia, se scelto non a caso ma con un certo criterio, il copritavolo diventa anche un elemento di unione con l’arredamento circostante in grado di fare la differenza.

Fa di sicuro effetto abbinare il copritavolo ai cuscini delle sedie circostanti, a tinta unita, con motivi floreali o gastronomici o geometrici, il risultato è quello di un ambiente più ordinato, non solo per cucinare e mangiare, ma anche e soprattutto per stare insieme e esprimere il meglio che la convivialità possa offrire.

I copritavolo disponibili sul mercato sono di qualsiasi forma, colore e tipo, quindi adattabili a ogni tavolo e stile, il copritavolo in plastica è di certo più pratico in quanto lavabile in un attimo con un semplice panno umido, ma un copritavolo in tessuto è sempre raffinato ed elegante, sebbene bisognerà necessariamente cambiarlo spesso per lavarlo, magari adoperatene almeno due per la cucina, per ragioni di igiene ovviamente, ma anche per senso estetico.

Il tavolo del soggiorno è ugualmente adatto, come quello della cucina, per essere ricoperto da un copritavolo in tessuto.

Per quanto riguarda la scelta, non c’è che l’imbarazzo della scelta, a seconda dei gusti personali, dello stile d’arredo e dell’effetto che si vuole ottenere.

Se preferite un copritavolo elegante e chic, sono disponibili modelli in seta e in velluto, stoffe particolarmente ricercate, in grado di conferire un tocco di fascino a qualunque ambiente.
Se il vostro soggiorno vi pare spento, anonimo, opaco, poco accogliente, ravvivatelo con un copritavolo da scegliere in una tinta forte, che spacchi letteralmente la monotonia intorno, regalando un tocco di vivacità e allegria.
Se siete soliti usare molto il tavolo del vostro soggiorno, magari per mangiare o per delle belle partite a carte con familiari e amici, allora il copritavolo non avrà solo una funzione estetica ma, proprio come in cucina, anche quella di proteggere il vostro prezioso tavolo, soprattutto nel caso esso sia antico o in legno pregiato o realizzato in materiale delicato.
Niente brutti segni di dita e mani, graffi e ammaccature, il vostro tavolo, grazie a un’opportuna e strategica copertura, resterà bello, sano e solido molto molto a lungo.

Vediamo come deve essere un copritavolo.
Bello certamente, nel senso che deve piacervi e armonizzarsi alla perfezione con tutto il resto, ma anche di qualità, per fare in modo che possa durare a lungo e non dobbiate cambiarlo già dopo poco tempo di utilizzo.
Scegliete pertanto un copritavolo in un tessuto di qualità, resistente non solo a urti, polvere e macchie, ma anche ai lavaggi in lavatrice, visto che, per ragioni di pulizia, dovrete periodicamente lavarlo e stirarlo.
Se il copritavolo è pregiato, per esempio in seta o raso o taffetà, lavatelo a mano delicatamente e comunque sempre attenendovi scrupolosamente alle istruzioni di lavaggio fornite, e vedrete che così facendo durerà intatto per anni e anni.
Insomma, come avrete capito, non prestare la dovuta attenzione al copritavolo da mettere in cucina e soggiorno sarebbe un vero peccato, perché si tratta di uno di quei complementi di arredo in grado davvero di fare la differenza.

Seguendo i consigli proposti in questa guida è possibile scegliere il migliore copritavolo in modo semplice e veloce.

No products for "copritavolo" found.