In questa guida mettiamo a disposizione alcuni consigli utili su come scegliere i migliori paralumi per le proprie esigenze.

Quando si devono scegliere lampade e piantane che andranno a caratterizzare l’atmosfera di una stanza, se non addirittura di un’intera casa, il più delle volte ci si concentra principalmente sulla luminosità apportata e sullo stile. Altrettanto importante, però, rimanendo sempre in questo mondo, è anche la scelta del paralume giusto.

Questa affermazione potrebbe fare sorridere alcuni ma, in realtà, non esiste errore di arredamento più grande di un abbinamento riuscito male tra portalampada e cappello. C’è da dire che, in molti casi, questi vengono già venduti in coppia. Non è assolutamente raro, però, trovarsi già in possesso di un portalampada e doverlo rivestire e completare nel migliore dei modi.

In altri casi, poi, si potrebbe anche non essere particolarmente attratti e convinti dall’accoppiata proposta dal produttore e decidere, quindi, di personalizzare l’effetto finale.

Bestseller No. 1
Oaks Lighting, Paralume in cotone
  • Gimble reversibile
  • Potenza massima: 60 Watt
  • Altezza 15.5 cm. Diametro base 25 cm. Diametro superiore 19 cm.
Bestseller No. 2
Bestseller No. 3
Ciondolo di Loft Vintage Diamante Metallo Lampada da Soffitto Lampadina Gabbia Decor - Nero
  • Materiale: Metallo
  • Forma: Diamante
  • Dimensione: ca.. 7.87x7.87
  • Shades soffitto industriale Involucro
  • Progettato per l'aggiunta di un tocco di eleganza rustica al vostro arredamento, questo metallo gabbia plafoniera coordinerà bene con altri oggetti e aumentare l'eleganza del vostro interiore.
Bestseller No. 4
Sema 97124 paralume ovale consistenza/Tessuto Tortora
  • E27 con riduttore
  • CSI 061 - 1 (7004 - 21)
  • Illuminazione domestica

Qualunque sia la necessità che obbliga alla scelta e il successivo acquisto di un paralume, è importante essere consapevoli che non si tratta di un’attività così semplice e immediata. Tralasciando momentaneamente discorsi relativi al gusto personale, è bene andare a considerare elementi oggettivi dai quali non è possibile prescindere se si desidera ottenere un effetto quantomeno armonico.

Ecco che, dunque, un’attenzione particolare deve essere rivolta proprio alle dimensioni. In generale possiamo dire che è buona norma per il paralume avere una dimensione pari a due terzi l’altezza della lampada. Rispettando queste misure, infatti, si ha la sicurezza che l’insieme non risulti sbilanciato.

Stabilito questo, un altro aspetto da prendere in considerazione è la forma. Questo significa che i paralumi devono assecondare le morbidezze o spigolosità della lampada. Tanto per fare un esempio pratico, se si possiede una base tondeggiante, si dovrà optare per un paralume circolare. Al contrario, una base squadrata si abbina alla perfezione con un paralume dalle medesime forme geometriche.

Dimensioni e forme, dunque, sono gli elementi essenziali per creare armonia tra i due elementi che compongono una lampada. Oltre questi, però, troviamo anche un terzo elemento, rappresentato dall’ambiente esterno o, per meglio dire, dalla stanza in cui portalampada e paralume dovranno mostrare l’abbinamento. Tutto questo per dire che la scelta di un paralume non può certo essere portata a termine senza andare a considerare lo stile del proprio arredamento e l’atmosfera che si desidera ricreare. Anzi, la lampada e, quindi, il paralume, spesso rappresentano un elemento essenziale con cui dare il tocco finale o grazie al quale identificare immediatamente il carattere di una stanza. Per tutti questi motivi, dunque, è importante rivolgere le proprie attenzioni verso modelli che si trovano a dialogare con naturalezza con il resto dell’arredamento. Alla luce di quanto detto fino a questo momento, si sconsiglia di inserire elementi particolari, per creare uno stacco netto, se non si hanno le doti e le conoscenze di un arredatore professionista.

Dopo tutte queste considerazioni di carattere stilistico e creativo, veniamo a degli elementi più pratici. Iniziamo con la necessità di sapere perfettamente dove volere collocare la lampada. In questo caso, infatti, lo spazio e la profondità messa a disposizione dell’oggetto diventa fondamentale per scegliere una determinata forma di paralume rispetto ad un’altra. Basti pensare, per esempio, al caso della mensola di un caminetto o di un tavolino stretto che si trova vicino un muro. In entrambi i casi è consigliabile puntare tutto su delle forme ovali o rettangolari che offrono la possibilità di avvicinare molto il paralume alla parete. Tra gli altri aspetti pratici a cui pensare, poi, c’è il posizionamento effettivo della lampada e l’eventuale ingombro. Questo significa che, se si ha uno spazio limitato, è inutile e sconsigliato lasciarsi tentare da un paralume dalle dimensioni eccessive, anche se si è convinti che non se ne troverà mai un altro altrettanto bello. Una volta portato a casa, montato e posizionata la lampada, infatti, le possibilità di andare a sbattere a questo ripetutamente saranno numerosissime.

Prima di chiudere la guida con una considerazione puramente estetica, c’è ancora un altro aspetto pratico da considerare. Si tratta del rivestimento del paralume, grazie al quale decidere in che modo schermare la lampadina e quanta luce decidere di far passare. Per non cadere in errore, dunque, è bene munirsi sempre di una lampadina prima di gettarsi nello shopping per la propria casa. Il negoziante non saprà negare una prova luci personalizzata di fronte a tanta organizzazione. Ora, come abbiamo preannunciato, un piccolo consiglio di ordine estetico. Riguarda, in particolare, la possibilità di scegliere sempre dei colori complementari. Questo significa che, se il portalampada è particolarmente lavorato e personalizzato, il cappello dovrà sfoggiare una tinta naturale e semplice.

No products for "paralume" found.